Pages Menu
Facebook
Categories Menu

La Poesia

Sonetto Sambenedettese

Sonetto scritto in vernacolo
Sambenedettese, dalla poetessa
Bice Piacentini (1856-1942)

Lu mònne ‘ntire pù pure ggerà,
lu mònne ‘ntire còmma sta piantate;
e quante scille tutte reggerate,
revì jécche e tte sinte ricrià .
Quiste jè ‘nu paèse ‘ffatturate;
se lu scì viste ‘n te lu pù scurdà
e lu frastire che cce ha capetate
ce revè, preste u tarde, ‘n ce penzà’!
J’atre pajice ce po pure di’ !
Appitt’a nnuje, ccuse‘ nn’ arevente:
jecche ji murte jifa rebbevì’!
Sammenedette, care brille mì,
Lu mare tune jè lu ppiù lucente,
Lu cile tuner jè lu ppiù ttrecchì

Traduzione:
Il mondo intero puoi pure girare,
il mondo intero come esso è creato,
ma quando proprio tutto l’hai girato,
sol qui tornando, potrai respirare.
Questo è un paese dal fascino innato,
se l’hai già visto , non lo puoi scordare
e il forestiero che qui è capitato,
qui presto o tardi vuol egli tornare.
Vantarsi possono gli altri paesi,
ma al confronto sono essi niente;
qui anche i morti alla vita sono resi.
San Benedetto cara, bel giardino,
il mare tuo è il più lucente
il cielo tuo è il più turchino.